copia-di-chirurgoCome addetto ai lavori da più di 15 anni, infatti faccio il chirurgo veterinario dal 2001, conosco benissimo la situazione italiana quando si parla di assistenza medica del cane e del gatto.

Vi farà male sentirvelo dire, specialmente se il vostro animale è stato operato da poco, ma potreste essere quegli sfortunati il cui animale è stato operato fuori da una sala operatoria, con il rischio di morire perché non c’era un anestesista che controllava il suo sonno indotto dai farmaci, e cosa peggiore, nessuno stava monitorando se il vostro animale sentisse dolore durante la pratica chirurgica.
In effetti, se così fosse stato, lo sfortunato è stato il vostro animale.

Con l’aumento del numero di persone che accolgono in casa un cane ed un gatto, sono aumentate anche le aziende che si occupano della salute degli animali.

Oggi però, nessuno controlla se chi si occupa della salute degli animali, rispetta degli standard e se offre dei servizi come si deve.

Alcuni sfortunati animali, sono letteralmente torturati durante le operazioni chirurgiche, in quanto i sanitari che dovrebbero garantire le migliori cure, pur di limitare al massimo la spesa e massimizzare i profitti, taglia dalla spesa le voci essenziali per una chirurgia che possa avere il diritto di essere chiamata tale.

Voglio che mi capiate, quindi mi sta a cuore spiegarvi come realmente vanno le cose.

Quando un animale deve essere operato, ad esempio perché ha una cisti sulla cute, oppure perché ha un’infezione all’utero o “semplicemente” deve essere sterilizzato (sul semplicemente io non sari così semplicistico), esso deve essere sottoposto ad un intervento chirurgico.

Cosa serve per fare una chirurgia? Sembrerà banale ma serve una sala operatoria!

Avete chiesto al vostro veterinario, prima di fare operare il vostro animale, se ha una sala operatoria? Probabilmente no, perché avete agito in buona fede.

Per esperienza posso dirvi che raramente uno studio veterinario ha una sala operatoria.

Il vostro medico di famiglia, nel suo studio ha una sala operatoria per operarvi l’appendice?

Rispondete sinceramente, vi fareste operare dal vostro medico di famiglia?

Io penso proprio di no!

Ecco la situazione semplice e chiara: ancora oggi, esistono medici veterinari, che finito l’orario delle visite, sgombrano la sala, anestetizzano alla buona un malcapitato animale e operano quel poveretto, senza ossigeno, senza anestesia inalatoria, senza controllo del dolore, senza sterilità e per aggiungere la beffa al danno, finto l’intervento, caricano l’animale nel bagagliaio del padrone dicendo loro che si sveglierà con calma a casa.

Pensateci bene!

Il medico di famiglia vi dice che dovete operarvi, vi dice di tornare la sera quando ha finito le visite.
Voi tornate, vestiti come vi trovate, lui con gli stessi abiti che ha usato tutto il giorno, vi fa accomodare sul lettino, vi inietta un farmaco che vi rallenta i riflessi, ma siete in grado di capire ogni cosa che se intorpiditi, sentite un po’ di dolore, poi questo dolore si fa insopportabile, ma non potete muovervi, siete legati al tavolo. Emettete dei lamenti quasi impercettibili, pensate che morirete da li a poco per il dolore. Avete capito di avere perso i sensi perché vi siete appena resi conto di essere da un altra parte. La pancia vi fa malissimo. Capite di essere sul sedile del passeggero di un’automobile. E’ la vostra automobile. Accanto c’è vostra moglie, vi accarezza, ma voi avete un dolore terribile al ventre. Rimante così per diversi giorni, mangiate a stento, poi i giorni passano e passa piano piano anche il dolore.
Passate per caso dalla stessa strada del vostro medico di famiglia, il solo pensiero vi fa raggelare il sangue, volete a tutti i costi cambiare strada, ma vostra moglie vi porta a forza in quel posto. Vi assale il terrore, tremate, sudate freddo, vorreste scappare. Fortunatamente tutto finisce in fretta.
Il medico vi toglie i punti di sutura dall’addome.
Promettete a voi stessi di non entrare più in quel posto.

Ecco!!! Questa è la dura verità!

E’ ciò che il vostro animale ha provato quando sfortunatamente non avete fatto le domande giuste a voi stessi: ma questo medico veterinario è in grado di fare quello che mi promette? Ha i mezzi giusti? Sarà possibile operare un animale con così pochi soldi?

Credetemi, sento di persone che hanno pagato per una chirurgia, molto meno della metà di quanto si spende solo per i fili da sutura, quindi siccome la matematica non è un opinione, povero animale! Con cosa sarà stato cucito?
Quindi quando dovere sottoporre il vostro animale ad un intervento chirurgico fatevi e fate le domande giuste!
Il mio animale ha a disposizione una sala operatoria?
Un anestesista?
Qualcuno si occuperà di non fargli provare dolore?
Sarà ricoverato dopo l’intervento per ridurre al minimo le complicanze della chirurgia?
Il prezzo che sto pagando riesce a coprire tutte queste cose?

Il vostro animale ve ne sarà grato per l’eternità.

Dott. Gianluca Barbato
Medico Veterinario